In questi ultimi anni si parla molto di pittura lavagna, sia grazie all’ampia offerta di prodotti presenti sul mercato, sia per il grande interesse dei consumatori verso questa tipologia di pittura.
Abituati ai pannelli lavagna poco versatili, oggi possiamo finalmente decidere noi dove e come poterla utilizzare. La pittura lavagna è disponibile in barattolo da applicare a pennello o a rullo e si può posare su qualsiasi superficie trattata, anche sui muri.
Con questo tipo di pittura possiamo ottenere una lavagna delle dimensioni e del colore che desideriamo; la gamma colori è abbastanza ampia per soddisfare le esigenze del cliente più pignolo, anche se il tradizionale colore nero opaco è sempre quello di maggior impatto.

Nella cameretta dei bambini una parete tutta lavagna, anche molto colorata, è il sogno di ogni pargolo che con i gessetti può scarabocchiare, disegnare, scrivere senza imbrattare le pareti o i mobili. Una volta adolescenti, diventa un valido supporto per lo studio, non solo sul muro ma anche – ad esempio – sull’anta dell’armadio o sopra la scrivania.

L’effetto lavagna diventa un vero e proprio complemento d’arredo, ad esempio, in una cucina total white, per spezzarne la monotonia, in un angolo dedicato o, per chi non ha timore di osare, come rivestimento di un vecchio frigorifero. Tornerà utile per annotare la lista della spesa, i compleanni o qualsiasi altro promemoria.

Non solo nelle case, possiamo anche consigliarla nei locali pubblici come bar o negozi. Una parete dove elencare i menu o le promozioni del momento, rende originale l’ambiente, con il vantaggio che, semplicemente utilizzando un panno umido, si possono variare le proposte o i prezzi in pochi minuti.
La sua versatilità, può farci pensare anche agli armadietti degli asili e delle scuole, dove scrivere sull’antina o vicino agli appendiabiti di ognuno, in maniera simpatica, il nome dell’alunno.

La pittura lavagna può essere utilizzata anche su piccoli oggetti come barattoli da mettere su una bella mensola, per descriverne il contenuto o indicare la scadenza, e perché no, rivestire vasi dove si può annotare il nome della pianta che crescerà.
Pareti ed oggetti rivestiti con questa pittura possono essere trasformati secondo la fantasia e le necessità di ognuno di noi, creando ambienti pratici, simpatici e anche inusuali.

Inoltre, la pittura lavagna può essere sovrapposta alla pittura magnetica così da poter applicare, sullo stesso supporto, anche piccoli magneti per i nostri promemoria o souvenir di viaggio.

 

La Coloratrice

#colore&consigli è la rubrica dedicata al mondo del pittore edile seguita da La Coloratrice con lo scopo di dare il proprio contributo per condividere con i professionisti idee, consigli ma soprattutto esperienze.
La Coloratrice nasce nel 2016 da un’idea di Francesca Motta e Antonella Sivaglieri, esperte di decorazione “sul campo” e di consulenza colore maturata anche grazie alla collaborazione con piccole e grandi aziende di pittura.